Preoccupazioni politiche Geo prende un tributo a Wall Street

Recenti episodi di violenza in Iraq inumidito lo slancio rialzista a Wall Street come investitori rimasti prudenti di ulteriore escalation. Deludenti dati economici sulla vendita al dettaglio vendita e senza lavoro accorciata ulteriormente eventuali segni di un trend rialzista il giovedì. I settori discrezionale di consumo e industriali ha portato al declino. Il Dow Jones ha perso oltre 100 punti per il secondo giorno consecutivo, termina a 16,734.19, mentre il S & P 500 è sceso per tre sessioni dritte per la prima volta dal mese di aprile, spargimento 13,78 punti a 1,930.11. Il Nasdaq è stato anche giù 0,79%, chiudendo a 4,297.63. Richieste di disoccupazione iniziale rosa 4.000 a 317.000 mentre le vendite al dettaglio possono cadde sotto le aspettative, solo dello 0,3 per cento, in aumento che era solo la metà del tasso di crescita prevista dagli economisti.

Mercato orso
Che cosa è un mercato orso e che cosa è un mercato toro?

PERDENTI E PRINCIPALI GAINER
Quote di energia in controtendenza a Wall Street con l’indice di settore energia S & P. SPNY guadagnando dello 0,3 per cento. I prezzi del petrolio sono stati ad un massimo di nove mesi in mezzo timori che la crisi irachena potrebbe interferire con forniture. D’altra parte, azioni di compagnie aeree principali US è caduto per il secondo giorno consecutivo con United Continental Holdings Inc (UAL. N) giù 5,9 per cento a $42,60. Azioni di American Airlines Group Inc (AAL. O) anche caduto 4,9 per cento a $40,20. Azienda biofarmaceutica Geron Corp (GERN. O) le azioni erano tra le più quotate sul Nasdaq dopo la notizia della FDA sollevamento una parziale sospensione clinica sulla prova della sua droga di cancro del sangue agli onori della cronaca. Le azioni della società sono stati ultima negoziazione 21,2 per cento superiore a $3,15. Rivenditore di abbigliamento atletico Lululemon Athletica Inc (LULU. O) era tra i maggiori perdenti con sue azioni cadere 15,9 per cento a $37,25 dopo ridotto l’outlook di entrate.

bdswiss truffa

MERCATI ASIATICI RIMANGANO RIBASSO
Stock asiatici erano anche giù presto il venerdì come investitori non erano disposti a correre rischi dopo la guerra civile in Iraq. Prendendo spunto dalla diapositiva di Wall Street il giovedì, il indice più ampio di MSCI Asia-Pacifico condivide di fuori del Giappone, che era pronta a salire 0,4 per cento questa settimana dopo aver colpito un alto tre anni il lunedì, è in calo dello 0,3 per cento. D’altra parte, Nikkei di Tokyo era in corsa per un guadagno settimanale di 0,2%, 0,9 per cento nonostante gli altri mercati rimanenti ribassista in aumento. Spreadbetters prevede che i mercati europei per aprire più basso il venerdì.

YEN PIÙ SOLIDO, EURO PIATTO
Lo yen giapponese mantenuto suo seguito di rifugio sicuro che produce un declino nel tesoro degli Stati Uniti e più debole al dettaglio US sales e senza lavoro sostiene i dati. Lo yen era ultimo in negoziazione 101,97 al dollaro con il biglietto verde sulla buona strada per capannone 0,5 per cento contro lo yen per la settimana. L’euro non ha testimoniato il movimento ed è stato scambiato a $1,3556 con la possibilità di finire la settimana 0,6 per cento inferiore. La sterlina ha toccato un massimo di cinque settimane seguendo le osservazioni della Banca d’Inghilterra su un prima del previsto aumento nei tassi di interesse. La sterlina era a 0,2 per cento a $1,6959. Oro è salito costantemente da 0,99 per cento a $1.273,70 l’oncia mentre l’olio di rosa acutamente del 2,01% e fosse ultimo tradinga $106,50 al barile.

SUGGERIMENTO DI OPZIONI BINARIE
Trading di opzioni binarie offre incentivi alti ma ci sono alcuni fattori importanti che potrebbero significare la differenza tra successo e fallimento per un trader. Il primo passo è quello di limitare la selezione di aziende target e altri beni di commercio così che è facile tenere il passo con le tendenze attuali delle attività sottostanti. Un altro fattore essenziale è la scelta della piattaforma di trading binario. Assicurarsi di scegliere un broker con risorse adeguate e valuta alternative agli scambi. Ricordate, il maggior successo trader di opzioni binarie fare mestieri oltre 10 un giorno o più. Questo aumenta la probabilità di vincita. Ultimo ma non meno importante, gestione dei rischi ben seguendo una transazione su un determinato asset con un commercio corrispondente prima del tempo di scadenza.

Dollaro della Nuova Zelanda è impostato su caduta?

Dollaro della Nuova Zelanda era una mancia da molti come il commercio di valuta più caldo dell’anno, ma ora le cose sembrano potrebbe essere fissati a cadere lasciando coloro che hanno appoggiato il Kiwi piangere sul latte versato… letteralmente.

Prodotti lattiero-caseari che rappresenta il 26,4% del totale delle esportazioni è l’esportazione più grande della Nuova Zelanda. Dal picco quest’anno nel mese di febbraio, prezzi internazionali lattiero-caseari sono diminuite di quasi il 50%. Con la nuova Zelanda specializzata in latte intero in polvere le esportazioni in Cina, la caduta nel prezzo e la domanda di importazioni è previsto ad incidere sul dollaro della Nuova Zelanda. Si tratta di una svolta completa dalla situazione all’inizio dell’anno, quando gli analisti erano anticipando forti aumenti di kiwi che è stato evidenziato come uno dei mestieri preferiti per l’anno. Dopo aver iniziato l’anno a circa $0,8221, il dollaro neozelandese è salito a massimi di sopra $0,88 nel mese di luglio ma ha dal caduti recupero $0,79 in Asia presto in commercio oggi.

Lattiero-caseari prezzi stanno affrontando venti contrari che sono in grado di mantenere i prezzi di latte depressi per qualche tempo. Gli analisti prevedono che il recente picco dei prezzi da latte, insieme con l’ascensore di quote latte EU e le esportazioni di mangimi minori costi per aumentare la produzione di latte globale con latticini globale impostato su aumento 10% nel 2014. Anche se la nuova Zelanda è probabile continuare a dominare le esportazioni di latte in polvere in Cina, i rapporti dei media Visualizza gli inventari di terraferma sono riforniti e prezzi più bassi non rischiano di creare ulteriore domanda.

Tuttavia, eventuali aumenti dei prezzi da latte da solo non sono considerati un motivo per non acquistare la nuova Zelanda dollaro. Un’altra area di preoccupazione è stata citata; basso tasso d’inflazione del paese, nonostante la crescita economica relativamente forte. Mancanza di inflazione lascia forza il kiwi come la principale banca di riserva di messa a fuoco della Nuova Zelanda. Essi sostengono che il dollaro neozelandese è sopravvalutato e sono pronto ad agire che rischia di tenere un cappuccio su qualsiasi forza del dollaro Nuova Zelanda nel mese di novembre. La Banca centrale ha fissato i tassi di interesse al 3,5% che offre un rendimento relativamente attraente rispetto ai mercati più sviluppati efficacemente zero politiche dei tassi di interesse. Gli analisti prevedono che il kiwi di scendere a $0,76 entro la fine di quest’anno e $0,67 entro la fine del 2015.

US Dollar si alza contro Yen come dollaro della Nuova Zelanda prende un martellamento

Il dollaro ha raggiunto i massimi livelli nei confronti dello yen in più di due settimane ieri come aumentando U.S. e rendimenti obbligazionari sovrani europei ha sollevato l’appello di obbligazioni estere agli investitori giapponesi. Dati economici di forte inviato U.S. e rendimenti obbligazionari europei più in alto che ha indotto gli investitori giapponesi per lo yen di vendere e comprare titoli sovrani stranieri.

Il tedesco 10 anni rendimento aumentato di quasi 3 punti base al % 0.8590 i seguenti dati di indice di responsabili d’acquisto di Markit che hanno dimostrato che attività manifatturiera dell’eurozona migliorata nel mese di ottobre con una forte crescita in Germania di compensazione per una lettura più debole in Francia.

Il dollaro ha recuperato oltre la metà la terra che ha perso dal 3 ottobre quando ha colpito un alto sei anni appena sotto ¥ 110 e scambiato a ¥ 108,17 ieri rispetto a ¥ 107,16 mercoledì. L’Euro è aumentato notevolmente rispetto allo yen, trading a ¥ 136,83 yen ieri rispetto a ¥ 135,51 il mercoledì. Gli analisti non si aspettano il dollaro a muoversi aggressivamente più contro lo yen per il resto dell’anno, come è incerto come il mercato azionario reagirà alla fine dell’attività della Fed l’acquisto programma cui è prevista la prossima settimana.

L’Euro è scambiato a $1,2655 il Giovedi, rispetto ai $1,2646 al mercoledì. L’indice del dollaro US che misura la forza del dollaro contro un paniere di sei valute era + 0,1% a 85.8300 il giovedì. Sopra nel Regno Unito, il GBP cadde contro il dollaro dopo i dati sulle vendite al dettaglio deboli, scambiato a $1,6024 giovedì rispetto ai $1,6047 il mercoledì.

Dollaro della Nuova Zelanda, nel frattempo, ha preso un martellamento sui dati inflazione morbido, dando la Reserve Bank of New Zealand camera per tenere a bada il suo prossimo rialzo dei tassi ulteriormente nel prossimo anno. Il dollaro ha raggiunto vicino a un minimo di due settimane di $0,7795 prima di stabilirsi proprio sopra 78 centesimi di dollaro.

Sarà a Sterling capo ancora più basso rispetto al dollaro USA?

Come il GBP caduto contro il dollaro US all’inizio di questa settimana, gli analisti ritengono che questo potrebbe segnare l’inizio di una caduta più lungo alla fine dell’anno basato sull’aspettativa che i tassi di interesse rischiano di rimanere inferiore per più tempo.

Oggi, il GBP è sceso a $1,5671, portandola al livello più basso dal settembre 2013. Questo seguito i dati d’alloggiamento debole di ieri, confermando le credenze che la Banca d’Inghilterra non rischia di aumentare i tassi dal loro livello basso record dello 0,5% in qualsiasi momento nel prossimo futuro. Il GBP è giù più di 1% contro il dollaro degli Stati Uniti questa settimana e più del 5% l’anno fino ad oggi. Impennata dei prezzi delle case nel Regno Unito le preoccupazioni precedentemente avevano sostenuto le aspettative di un rialzo del tasso di interesse ma crescita dei prezzi casa è sceso a un mese 18, basso mese scorso con l’indice di Londra mostrando il suo più grande declino in 4 anni. Nel mese di settembre, la BoE aveva dichiarato esso potrebbe alzare i tassi di inizio del 2015, ma non sembra essere il caso dato dati recenti.

Questa settimana la BoE ha avvertito che l’inflazione potrebbe scendere di sotto 1% durante i prossimi 6 mesi, ben di sotto l’obiettivo del 2%, aumentando l’ipotesi che la politica monetaria rimarrà accomodante. La relazione di inflazione era più accomodante del generalmente previsto e ora, i partecipanti al mercato si aspettano un tasso escursione dopo le elezioni generali nella seconda metà del 2015. Commenti di supporto dal governatore Mark Carney ha visto anche il GBP allargare le perdite questa settimana con i mercati ora mi aspettavo più facile le condizioni monetarie durante il periodo di previsione che è stato il caso 3 mesi fa. Inoltre ha dichiarato che se dati regge nell’estremità di quest’anno attraverso all’inizio del 2015, ci sono ancora giustificazioni per tariffe andare più in alto.

Gli analisti sono attualmente guardando le sterline per la fine dell’anno a $1.55, colpendo $1,50 nel 2015.

Materie prime sono dove l’azione reale è in questo momento

Con movimenti del prezzo delle scorte lentamente trundling lungo, osservatori di mercato sono state trovare più azione nei mercati di materie prime e valute. Anche se a tutti i tempi massimi, la S & P 500 non è riuscito a spostare più di 0,6% la scorsa settimana, da nessuna parte vicino al livello di azione visto in petrolio greggio e oro che scambiati all’interno delle gamme di 4% e 2,5% solo su venerdì da solo. Questa azione viene richiesto gli indici di volatilità di petrolio e oro al commercio a livelli intensificati, anche se la volatilità S & P implicita è sceso a livelli più bassi dal settembre successivo rimbalzo di ottobre. Dal luglio scorso, il dollaro è aumentato contro altre valute, aggravate dall’annuncio di ulteriori acquisti di asset della banca del Giappone e accomodanti azione della Banca centrale europea.

Questa recrudescenza di dollaro degli Stati Uniti è un fattore chiave che ha esercitato pressioni su petrolio e oro. Osservatori di mercato sarà consapevoli che materie prime hanno una tendenza verso una correlazione inversa con il dollaro che significa che come ogni dollaro aumenta di valore, meno dollari sono necessari per l’acquisto di un barile di petrolio o un’oncia d’oro.

Gli analisti ritengono che questo selloff di forza/merce dollaro potrebbe essere passato nel breve termine, così gli operatori di mercato dovrebbe essere alla ricerca di opportunità di trading a breve termine. Prezzi oggi per Brent crude sono vicino a 84 $ al barile dopo l’aumento per la seconda volta di fila in mezzo militare aumentata attività in Ucraina e il caos in Libia che ancora una volta minacciato interruzioni alla sua produzione di petrolio e le esportazioni. Il dollaro è un tocco più basso ma rimane vicino a un picco di quattro anni.